Vercelli
19/11/2017 - FOTOGALLERY

Maxi esercitazione al Pronto soccorso del Sant’Andrea


Trenta feriti arrivano quasi in contemporanea in ospedale: chi è meno grave, chi invece ha perso conoscenza e rischia la vita. C’è anche una mamma incinta all’ottavo mese con un trauma pneumotoracico. Fortunatamente non è un’emergenza vera, ma un’esercitazione per «stressare» il Pronto Soccorso del Sant’Andrea di Vercelli e misurare la capacità del personale di reagire ad un grande afflusso di pazienti in condizioni critiche. Il test sul «Peimaf», Piano di emergenza intraospedaliero in caso di massiccio afflusso di feriti, è andato in scena sabato 18 novembre alle 18 al piano terra del presidio; la simulazione riguardava un maxi incidente autostradale.

di Roberto Maggio





















Copyright © La Stampa 2017