Volley, la Igor di scena stasera a Scandicci: un duello con vista primato

In campo alle 20,30 per la 7ª giornata di A1. È una gara chiave tra azzurre e toscane, appaiate al 2° posto


Pubblicato il 22/11/2017
Ultima modifica il 22/11/2017 alle ore 19:31
NOVARA

È la sfida più attesa della giornata, la corsa alla seconda piazza in regular season che, però, potrebbe anche significare vetta in caso di caduta di Conegliano sul tutt’altro che facile campo di Busto Arsizio. Stasera sarà tutto o niente: Savino Del Bene Scandicci e Igor Novara infiammeranno il settimo turno di serie A1. Le luci sull’arena toscana si accenderanno alle 20,30. Di fronte due allenatori che hanno poco da imparare e molto da insegnare: Carlo Parisi, novarese d’adozione, arrivato a Scandicci la scorsa estate sta portando in alto la squadra.  

 

Massimo Barbolini, anch’egli alla prima esperienza sulla panchina novarese, è stato chiamato per confermare i successi ottenuti nella scorsa stagione e infoltire di trofei la bacheca della Igor. Ha già centrato il primo obiettivo, la Supercoppa italiana. Stasera solo uno dei due tornerà a casa con la vittoria, è la legge del volley. 

Sul campo sarà sfida vera: Novara ha un organico un po’ più completo, ma Scandicci fino a oggi ha dimostrato di avere una verve maggiore a chiunque altro. Solo nell’ultimo turno ha leggermente rallentato, sarebbe interessante capire se per merito di Pesaro o, semplicemente, perché le toscane pensavano già al match di stasera. La Savino Del Bene quasi certamente rinuncerà al libero titolare, Enrica Merlo, che si è infortunata nell’ultimo turno (per lei sembrerebbe non esserci nulla di grave ma, lo stesso, difficilmente la si potrà vedere in campo nel big match). 

 

Cammino simile

Un ruolino di marcia sin qui molto simile per le due rivali: hanno giocato entrambe 21 set vincendone 18 e perdendone 3. Novara ha segnato più punti, 507 contro i 496 della Savino. Alle toscane il merito di averne subiti meno: 360 contro i 420 delle piemontesi. Il quoziente punti è a favore di Scandicci: 1,38 contro 1,21 della Igor. 

Dopo sei turni di regular season le statistiche strizzano l’occhio alle toscane al servizio con una minor percentuale d’errori e un maggiore numero di ace messi a segno. In ricezione sono le novaresi a vincere a man bassa con un’efficienza dello 0,43 contro lo 0,25 delle avversarie. In attacco a vincere, seppur per poco, è la Savino Del Bene che si conferma decisamente più efficiente anche a muro con una media punti per set di 3,24 contro i 2,33 di Novara. 

 

Dal match di stasera ci si potrebbe attendere una sfida lunga, con Scandicci che trae vantaggi dal fatto che gioca in casa (e il palazzetto toscano non è affare semplice da gestire per le avversarie). A favore di Novara, oltre a un roster che ha poco - se non nulla - da invidiare alle rivali italiane, il fatto che oltre alla tecnica la squadra di Barbolini sino a oggi ha dimostrato di avere carattere da vendere. 

 

Le altre partite: Casalmaggiore-Filottrano, Bergamo-Firenze, Modena-Legnano (diretta Rai Sport), Busto Arsizio-Conegliano e Monza-Pesaro. 

La classifica: Imoco Conegliano 18, Savino Del Bene Scandicci, Igor Novara 17, Unet E-Work Busto Arsizio 15, Liu Jo Nordmeccanica 9, Mycicero Pesaro 8, Saugella Team Monza, Sab Legnano 6, Pomì Casalmaggiore 4, Lardini Filottrano 3, Foppapedretti Bergamo 0. 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi