Radicchio dell’orso e polenta carbonera

Nella terra del Bagoss un locale dalla cucina semplice


Pubblicato il 10/11/2017

È lungo una delle strade per l’alta montagna; lo trovate se dalla bassa, da Brescia, volete salire verso Madonna di Campiglio. Avrete lasciato dietro di voi Bagolino e quel suo formaggio (superbo, se stagionato adeguatamente), il Bagoss, reso celebre in Italia e nel mondo da quel furetto dell’enogastronomia, troppo presto andato in pensione, che fu Benedetto Maffìo Boschi, alias «Benedetto Girelli, di Barghe». 

 

Siete nel territorio del Comune di Cìmego. Lungo la veloce, larga, trafficata, comoda strada Nazionale, salendo, sulla vostra destra, non potrete non vedere stagliarsi la mole di questo piacevole semplice familiare accogliente storico albergotto che da cinquant’anni è un faro nell’ospitalità e nella gastronomia. Tutto attorno un grande spazio per la vostra macchina, poi grande e bel giardino e piscina riscaldata per la bella stagione, all’interno l’intimo raccolto bar, il minuscolo banco del ricevimento, l’ascensore che va ai piani delle accoglienti linde camerette dai prezzi invitanti, poi il piccolo centro benessere, la saletta per le prime colazioni ed il salone dei pranzi e delle cene (c’è la pizza, anche a mezzogiorno). Il tutto mandato avanti con educata cordialità da Graziano Tamburini, con la sorella ai fornelli e la moglie all’amministrazione e pochi validi aiuti. Se il pesce persico arriva dalla Turchia o dall’Olanda, però i salmerini alpini vengono dai Valenti della vicina Bondo, le trote dai confinanti Armanini di Storo.  

 

Oltre al banco da libero servizio per insalate e verdure, ecco il «radicchio dell’orso» raccolto nei boschi dal padrone di casa, il vitello tonnato (poco), i tortelli di pasta fillo (comperata) soavemente farciti in casa di Bagoss, le polente locali («macafana» e «carbonera») preparate con l’insuperabile granoturco di qua, il Nostrano di Storo, salmerini e trote ai ferri o a crudo con l’altoatesino meraviglioso burro Mila, la mousse di castagne, i marroni freschi (della locale Agri90) con il latte freddo o con la panna. Il tutto bagnato dai vini di una carta solo trentina: Ferrari, Pojer & Sandri, Grigoletti. Prevedete sui 40 euro. 

 

HOTEL AURORA  

CIMEGO/BORGO CHIESE (TN) 

VIA CASINA DEI POMI 139 

TEL.0465.621064  

WWW.HOTELAURORA.TN.IT  

CHIUSO LUNEDI’ 

 

VOTO: 13,5/20  

ULTIMA PROVA: 19-10-2017  

 

 

 

home

home

Stile.it - ricette veg

Stile.it - ricette veg

Stile.it - ricette dolci

Stile.it - ricette dolci

Turismo.it - ricette etniche

Turismo.it - ricette etniche

I più letti del giorno

I più letti del giorno

I video di Buona Pappa

tutti i video